Uscire dalla routine

25.05.2022

«My home is my castle.»

Il proverbio inglese significa che la propria casa è un castello accogliente e un rifugio sicuro. Con confini e demarcazioni definite che creano chiarezza. Questo può essere rassicu­rante, ma a lungo andare può anche diventare noioso o addirittura una prigione. Allora perché non dare un’occhiata alla recinzione del vicino?

Demolizione di recinti Se siete coraggiosi, smantellate del tutto la barriera e coinvolgetevi con l’altra persona. Questo può essere emozionante e farci scoprire nuove prospettive. Pensate a un sommelier di carne che non ha mai mangiato insetti. O un buongustaio che vive vegano senza eccezioni. Strani abbinamenti questo è, sì, quello. Ma sono possibili e non così inverosimili se siamo aperti a qualcosa di diverso e nuovo.

Nuovi orizzonti L’esempio del sommelier della carne mostra cosa succede quando i confini si spostano. L’indulgenza non è più appannaggio esclusivo degli intenditori di vino o degli amanti del cioccolato. L’ABZ Spiez offre già un corso di diploma per aspiranti sommelier della carne. Inoltre, un prosciutto di una nobile casa si è assicurato un posto in Svizzera per coccolare i palati dei svizzeri: Con il suo «Prodotto regionale dell’anno 2022», la macelleria Giger di Entlebuch ha dimostrato che l’innovazione e l’abile artigianato possono portare a una grande fama. Ci vuole solo il coraggio di abbattere gli steccati del pensiero interiore e di aprire un nuovo terreno.

È troppo sfacciato per lei? Se le è d’aiuto, può iniziare in modo più piccolo. Potrebbe trarre beneficio dal provare qualcosa di diverso? Qualunque sia la conclusione, eviti sempre che il suo castello diventi improvvisamente una prigione.

Reto Frick, Specialista in comunicazione

 
 
 
 
 

Unione Professionale Svizzera della Carne UPSC · Sihlquai 255 · Casella postale · 8031 Zurigo · Tel. +41 44 250 70 60 · Fax +41 44 250 70 61 · info(at)sff.ch

Swiss Meat People